Archivi

Oasi WWF Cave di Noale

L’Oasi WWF Cave di Noale è una zona umida di note­vole inte­resse sto­rico, natu­ra­li­stico e ambien­tale.
Il pro­prie­ta­rio dell’area è il Comune di Noale che ha affi­dato la gestione del sito al Comi­tato Oasi WWF Cave di Noale.

IMG_0580L’Oasi è inse­rita in un pano­rama pret­ta­mente agri­colo, fram­men­tato da urba­niz­za­zioni di tipo resi­den­ziale, è il risul­tato di atti­vità di esca­va­zione di argilla che sono pro­se­guite inin­ter­rot­ta­mente per circa vent’anni. A seguito dell’abbandono delle pra­ti­che di scavo, le cave, ali­men­tate dall’acqua pio­vana, da quella di falda e da quella pro­ve­niente dal Rio Dra­gan­ziolo, si sono tra­sfor­mate in sta­gni di pro­fon­dità varia­bile da alcuni deci­me­tri a qual­che metro. Ciò ha con­sen­tito la rapida colo­niz­za­zione da parte di spe­cie vege­tali pio­niere e il con­se­guente inse­dia­mento di una rigo­gliosa vege­ta­zione palu­stre ed arboreo-arbustiva. Si è così creata una zona umida di grande pre­gio natu­ra­li­stico carat­te­riz­zata da un’elevata varia­bi­lità ambien­tale, che ha favo­rito la colo­niz­za­zione dell’area da parte di un ele­vato numero di spe­cie ani­mali (soprat­tutto uccelli, pesci, anfibi). L’oasi rap­pre­senta quindi un impor­tante ser­ba­toio di bio­di­ver­sità e una fon­da­men­tale zona di rifu­gio per la fauna selvatica.

Per la sua rile­vanza natu­ra­li­stica l’area è stata indi­vi­duata come Sito di Impor­tanza Comu­ni­ta­ria (SIC IT3250017) ai sensi della diret­tiva Habi­tat 92/43/CEE; suc­ces­si­va­mente, è stata pro­cla­mata dalla Regione Veneto Zona di Pro­te­zione Spe­ciale ai sensi della diret­tiva 79/409 “Uccelli”.

La vege­ta­zione è molto varia e rispec­chia l’elevata varia­bi­lità eco­lo­gica dell’area; l’elemento pre­do­mi­nante è sicu­ra­mente il vasto can­neto costi­tuito dalla can­nuc­cia di palude (Phrag­mi­tes austra­lis); gli sta­gni sono carat­te­riz­zati dalla pre­senza di grandi carici (Carex elata, Carex ripa­ria), tife (Typha lati­fo­lia, Typha angu­sti­fo­lia) e dalla sem­pre più rara Nym­phaea alba; in pri­ma­vera le sponde si colo­rano di un vivo giallo gra­zie alla fio­ri­tura di nume­rosi esem­plari di giag­giolo (Iris pseu­da­co­rus). Le comu­nità arbo­ree sono carat­te­riz­zate per lo più dalla pre­senza di spe­cie pio­niere ed igro­file, come salici (Salix alba, Salix cine­rea), pioppi (Popu­lus nigra, Popu­lus alba) e ontani (Alnus glu­ti­nosa).

martina_Noale-agosto2010-1200Ricca di avi­fauna, l’oasi ogni anno ospita tre cop­pie nidi­fi­canti di airone rosso, spe­cie sem­pre più rara negli ambienti di pia­nura. Tra le prin­ci­pali spe­cie pre­senti nell’oasi si segna­lano: l’airone cene­rino, la gar­zetta, la nit­ti­cora, il tara­buso, il tara­bu­sino, il por­ci­glione, il miglia­rino di palude, la folaga, la gal­li­nella d’acqua, il mar­tin pesca­tore, il tuf­fetto; negli sta­gni meno pro­fondi si pos­sono avvi­stare diverse spe­cie di limi­coli. Da segna­lare la sal­tua­ria pre­senza del falco di palude. Degna di nota è la pre­senza della testug­gine palu­stre (Emys orbi­cu­la­ris), spe­cie ormai rara e minacciata.

EVENTI

L’oasi è aperta al pub­blico da marzo a Ottobre: martedì e giovedì 14.00-18.00; sabato e domenica 8.00-18.00. Da Aprile a Settembre: martedì e giovedì 14.00-20.00; sabato e domenica 8.00-20.00. Novembre, Dicembre, Gennaio e Febbraio: Domenica dalle ore 9.00 alle ore 16.00. L’oasi è uti­liz­zata durante tutto l’anno per atti­vità di edu­ca­zione ambien­tale e visite gui­date con bam­bini e ragazzi di ogni ordine e grado.

Dove:

Il cen­tro di Noale è facil­mente rag­giun­gi­bile per­cor­rendo la S.S. 515 Noa­lese. Da Piazza Castello, si pro­se­gue lungo Via Tem­pe­sta per circa 600 metri, sino ad incro­ciare sulla destra via A. De Pol. Al suc­ces­sivo incro­cio (circa 400 m) svol­tare a destra in via Degli Ongari e pro­se­guire per circa 800 metri. L’ingresso dell’oasi si trova,  sulla sini­stra, in cor­ri­spon­denza del pas­sag­gio a livello. È como­da­mente rag­giun­gi­bile in treno, uti­liz­zando la linea fer­ro­via­ria Venezia-Trento e scen­dendo alla sta­zione di Noale, ubi­cata a circa un cen­ti­naio di metri dall’entrata dell’Oasi.

INFORMAZIONI

Per infor­ma­zioni e pre­no­ta­zioni visite gui­date: Martina cavedinoale@wwf.it
3334336904 o visita il sito http://sites.google.com/site/oasinoale/

Oasi WWF Cave di Noale,

Primavera 2014, eventi Oasi WWF Cave di Noale

Presentato il calendario degli eventi in programma per la primavera/estate 2014

Il Comitato Oasi WWF Cave di Noale presenta il calendario degli eventi in programma per la prossima primavera/estate all’Oasi WWF Cave di Noale, una serie di attività completamente gratuite che permetteranno di visitare l’oasi accompagnati dalle guide del WWF e conoscerne da vicino gli abitanti:

13 APRILE: VISITE GUIDATE gratuite in occasione di Noale in Fiore alle ore 10.00 e 16.00

25 APRILE: GUFI E CIVETTE – Ore 21.00, una passeggiata in notturna alla scoperta dei rapaci notturni che vivono nell’oasi

18 MAGGIO: FESTA DELLE OASI WWF

6 GIUGNO: UNA NOTTE DA… PIPISTRELLI (in caso di maltempo si rimanda al 13 Giugno) – Ore 21.00, serata dedicata alla scoperta dei piccoli mammiferi alati

15 GIUGNO: BIOWATCHING ALL’OASI – Ore 10.00, attività di ricerca ed osservazione di specie vegetali, animali e delle tracce della loro presenza

A par­tire dal 21 aprile ini­ziano le visite gui­date gra­tuite all’Oasi WWF Cave di Noale.

Le altre date sono 21 aprile– 19 mag­gio – 16 giu­gno – 15 set­tem­bre e 20 otto­bre sem­pre con par­tenza alle ore 10:00

Una pas­seg­giata di un paio d’ore alla sco­perta delle bel­lezze natu­ra­li­sti­che di que­sta pic­cola oasi del WWF, dall’elevato valore ambien­tale ma che si trova a soli pochi passi dal cen­tro cit­ta­dino (ingresso da via Ongari). L’escursione offrirà l’opportunità di avvi­stare inte­res­santi spe­cie di ani­mali tipici delle zone umide: mar­tin pesca­tore, airone rosso, tara­bu­sino, testug­gine palu­stre, libel­lule, etc.